PRESIDIO DI LOTTA DAVANTI ALLO STABILIMENTO DI POMIGLIANO

Pomigliano d'Arco -

FIAT: USB, CONTRASTEREMO IN OGNI SEDE UN ACCORDO SCELLERATO CHE RIGUARDA TUTTI I LAVORATORI

Questa mattina l’Unione Sindacale di Base è davanti ai cancelli della Fiat di Pomigliano per un presidio di lotta a cui stanno partecipando delegazioni dalla Fiat di Mirafiori e di Cassino, dalla Sevel di Atessa e da altri stabilimenti del paese.

“L’offensiva scatenata contro i lavoratori di Pomigliano è un attacco alle condizioni ed ai diritti di tutti i lavoratori del Gruppo Fiat e, più in generale, di tutto il mondo del lavoro”, afferma Paolo Sabatini, USB Lavoro Privato. “Con questo inaccettabile accordo si vuole imporre a tutti i lavoratori italiani di lavorare senza più regole. Si è cominciato tre anni fa con Alitalia ed oggi siamo arrivati ad una fase cruciale”.

 

“Il prendere o lasciare della Fiat  è un vero e proprio ricatto con cui si scarica sui lavoratori una responsabilità che è esclusivamente della Fiat, azienda - sottolinea Sabatini - che per decenni ha preso soldi pubblici, godendo di enormi vantaggi nonostante abbia spostato all’estero gran parte delle produzioni. La Fiat inoltre dimostra completa assonanza con l’impostazione del Governo - prosegue il rappresentante USB - tanto è vero che si parla insistentemente del famoso piano C, una ripetizione dell’accordo Alitalia; l’accusa stessa di ´fannullonismo`, rivolta ai lavoratori Fiat da Marchionne, appare una ripetizione di parole e metodi usati dal Ministro Sacconi e dal Ministro Brunetta”.

Conclude Sabatini: “Vi è quindi una complicità totale fra Governo e Confindustria contro cui ovviamente ci organizzeremo: contrasteremo questo accordo scellerato insieme ai compagni dello Slai Cobas, sia all’interno dello stabilimento che all’esterno, con iniziative e manifestazioni di piazza, scioperi nelle altre fabbriche d’Italia ed anche sul terreno giuridico, ritenendo che questo accordo violi la Costituzione, i Contratti nazionali e le leggi dello Stato

 

video:

interventi da Pomigliano

 

foto da Pomigliano

 

 


POMIGLIANO – PUBBLICO IMPIEGO :
FORSE E’ ORA CHE I FANNULLONI SI INCONTRINO SUL TERRENO DEL CONFLITTO SOCIALE

 

La vicenda della Fiat di Pomigliano va letta non come una normale vertenza aziendale, ma come  un ulteriore passaggio di un percorso strategico che punta a definire un nuovo sistema sociale finalizzato agli interessi imprenditoriali. Ma di chi?

 

Esiste ancora una grande industria nazionale oppure, come è nella realtà, siamo di fronte ad una trasformazione dell’assetto produttivo  in multinazionali che pretendono di utilizzare l’Italia  esattamente come qualsiasi altro Paese in cui fare investimenti? In questo contesto è evidente quindi   che diventa  funzionale creare condizioni sociali, economiche, normative, simili a quelle dei  Paesi in cui è più conveniente delocalizzare la produzione. L’altra faccia della medaglia sono le piccole e medie industrie che da sempre godono di un sistema di relazioni deregolamentate, con disapplicazione dei contratti e delle leggi. Se questi sono i referenti, che modello sociale dobbiamo aspettarci?

 

La riforma dell’articolo 41 della Costituzione, che subordina l’interesse di impresa all’interesse sociale, non è un vezzo populista, ma persegue l’obiettivo di sottrarre l’impresa alle sue responsabilità sociali e di renderla libera di rincorrere il profitto in tutti i modi possibili e con tutti gli strumenti possibili. Se finora ci si era limitati, si fa per dire, all’individuazione del referente sociale non nel lavoratore, ma nel cittadino consumatore, ora scomparsa la parola cittadino, rimane la trasformazione del patto sociale in semplice mercato, con l’impresa fuori dal controllo sociale.

MARCHIONNE  TU  VO’  FA’  L’AMERICANO!

La contemporaneità della vertenza Pomigliano e della riforma dell’articolo 41 è per lo meno sospetta. La Fiat non ha chiesto incentivi per l’auto, ma mano libera  sul piano sociale,  con la devastazione di tutto l’impianto relazionale sul piano sia sindacale che normativo. Dopo due anni di fermo la Fiat riscopre improvvisamente  Pomigliano? Sicuramente no, siamo di fronte ad un passaggio concordato con il Governo per spostare in avanti la libertà di profitto. Siamo oltre la Grecia sul piano sociale e sindacale; l’uso della crisi economico-finanziaria per la ristrutturazione del modello produttivo passa da Pomigliano e porta con sé la revisione della Costituzione, di  leggi, contratti, relazioni sindacali, libertà e democrazia reale.
 L’evoluzione naturale della vertenza Alitalia.

 

Perché, se produrre  auto in Polonia è così conveniente, la Fiat tenta di portare la Polonia da noi,  riscoprendo la funzione strategica di Pomigliano, ferma da due anni,  dopo aver decretato la morte di Termini Imerese?  E’ evidente che l’obiettivo è far scivolare verso il liberismo selvaggio il rapporto di lavoro, trasformando il contratto  e le norme a garanzia dei lavoratori, in contratto individuale. Un semplice accordo tra le parti che non necessita di intermediazione da parte del sindacato, che diventa elemento di disturbo della relazione di lavoro.

 

La riforma della Pubblica Amministrazione, il decreto Brunetta ed i contenuti della manovra finanziaria, sono il contraltare pubblico della stessa strategia adottata nel privato. La riduzione del perimetro della P.A. consente recupero di risorse per l’impresa, ma corrisponde anche alla caduta delle regole e dei controlli. Quello che rimarrà in piedi dovrà essere gestito come la Fiat di Pomigliano, senza regole, senza contratto, senza aumenti, con flessibilità totale e senza difesa sindacale. La sospensione delle garanzie contrattuali nella P.A. viene imposta per legge, non hanno bisogno di accordi sindacali, che comunque otterrebbero facilmente: un vero e proprio golpe sociale degno delle migliori dittature sudamericane. Anche in questo caso si tratta dell’ultimo atto di una strategia di lungo periodo,  teorizzata prima e realizzata ora.



L’elemento più importante è comprendere le similitudini, individuare le strategie e conoscere gli attori della vicenda.

 


Dopo due anni di fermo, la Fiat si ricorda che i lavoratori di Pomigliano sono dei fannulloni: ma non lo erano solo i dipendenti pubblici? Gli stessi dati della Fiat danno il 3,7% di assenze per malattia, un dato tra i più bassi del gruppo. La denigrazione, costruita su dati falsati, ha lo scopo di isolare i lavoratori dal corpo sociale e dagli altri lavoratori, scatenando loro addosso l’esecrazione collettiva. La stessa strategia adottata con il  pubblico impiego, dipinto come una massa di nullafacenti e concausa della crisi nella difesa dei  propri privilegi.

 

Il ricatto del lavoro come strumento di gestione del personale e  nella P.A. il ricatto sulla corresponsione del  salario accessorio, ma non solo, svolgono  la stessa funzione:  sempre di ricatti si tratta!  La flessibilità, spinta fino all’arbitrio dell’azienda, subordina le condizioni di vita e di lavoro alla fluttuazione del profitto e quindi al rischio di impresa. Nella P.A.. la flessibilità è subordinata al salario accessorio, alla dirigenza trasformata in quadro aziendale, al gradimento delle prestazioni; una sorta di rischio di impresa riflesso. Il contratto viene stravolto ed azzerato, nella P.A. i contratti sono sospesi per quattro anni.



UN REFERENDUM  CON LA PISTOLA ALLA TEMPIA



La consultazione dei lavoratori è sempre stata  fatta in “camera caritatis”, all’interno di assemblee addomesticate. Ora si scopre la necessità del referendum, sempre negato, perché si ha la certezza di portare i lavoratori  a votare con la pistola alla tempia. Non è democrazia sindacale, ma  lo strumento per annichilire la funzione del sindacato e  di quelle frange che non si sottomettono alla nuova fase. Isolare la Fiom vuol dire spegnere sul nascere ogni possibilità di dissenso organizzato. Non è un caso che cisl uil pdl si diano da fare per il sì; e la cgil ?

 

La cgil  confederale è per il sì, inventando possibilità di modifiche all’accordo mentre  continua a proporsi come mediatrice del conflitto sociale, utilizzando le categorie, come la Fiom in questo caso, per contenere la spinta dei lavoratori. Ma cosa propone la Fiom ?

 

Semplicemente l’applicazione del contratto sottoscritto e che la Fiat ha disdettato, affermando che  consente addirittura più flessibilità dell’accordo, ma nel rispetto della forma. Come la cgil da anni fa nel settore tessile, dove la flessibilità totale è la regola.
Confondere l’atteggiamento della Fiom per un risveglio delle coscienze addormentate della cgil è un errore; l’unico segnale che la Fiom potrebbe  dare in questo momento è rompere con la cgil: un evento a cui non assisteremo mai. 






Allora è credibile l’atteggiamento della Fiom che sa bene che può contare sull’esito del referendum e quindi scarica  la responsabilità della sconfitta sugli altri lavoratori? Esattamente
come non è credibile lo sciopero indetto dalla CGIL Funzione Pubblica per  il 25 giugno:  quella stessa organizzazione che ha sottoscritto il memorandum e nasconde, dietro la non firma dell’accordo sul contratto triennale, la firma di innumerevoli accordi di settore. Se volevano la sollevazione del pubblico impiego c’era lo sciopero del 14 giugno indetto dal sindacalismo di base. Oppure l’unità è obbligatoriamente a senso unico, vale a dire in totale subordinazione e connivenza con la cgil?



LA SFOGLIATELLA NAPOLETANA



che Fiat e Governo avevano preparato, è stata restituita dai lavoratori ed ora tutti hanno paura di quello che  può esserci dentro.  La libertà di coscienza nel voto  sostenuta dalla Fiom, era già una presa di distanza dai lavoratori; adesso la  Fiom, impaurita dall’esito del referendum, ricuce in fretta e furia i rapporti con la cgil confederale, abbandonando i lavoratori all’esito di una trattativa subordinata agli interessi Fiat. Tanto è vero che si parla già di new company come all’Alitalia: una canea di sciacalli a dividersi l’osso avanzato alla mensa Fiat.




A POMIGLIANO UN REFERENDUM “ANOMALO”.  NEL PUBBLICO IMPIEGO, DOPO IL GOLPE DEL BLOCCO DEI CONTRATTI PER TRE ANNI, VIVIAMO ANCHE UN FURTO DI DEMOCRAZIA CON LA SOSPENSIONE DELLE ELEZIONI RSU



Può considerarsi democratico o semplicemente normale, che una consultazione di 5200 lavoratori, sotto il ricatto della perdita del lavoro, decida la sospensione di diritti, contratti e costituzione ? La deriva populista si sposa con il liberismo americano.




Nel frattempo  nel Pubblico Impiego a  3.600.000 lavoratori,  che non vengono  mai consultati su niente, viene  negata  la possibilità di eleggere i propri rappresentanti sindacali, e vengono imposti come loro rappresentanti  le emanazioni pubbliche di quegli stessi  che oggi affossano i lavoratori di Pomigliano D’Arco. Due pesi e due misure, oppure un’unica strategia di attacco allo stato di diritto ed alla democrazia nel Paese? La Fiat ha sospeso la cassa integrazione nel giorno del referendum; in questo modo  i lavoratori erano obbligati ad andare in fabbrica e non potevano sfuggire al voto. Ma quale era il quorum utile e chi  lo ha deciso?



A POMIGLIANO UN SI’ SENZA INCHINO, AL PUBBLICO IMPIEGO ICHINO

Ichino, che per il Pubblico Impiego propone salari individuali, legati alla produttività ed alla condizione socio- economica del territorio. Vale a dire che il valore della prestazione lavorativa non è uniforma e soprattutto non può essere contrattata da chi produce. Siamo oltre le gabbie salariali e lo svuotamento dei contratti nazionali, che  forse per questo sono stati bloccati a favore di quelli territoriali; siamo al contratto ed al salario individuali, legati al rischio di impresa ed al recupero di competitività attraverso la flessibilità totale. Ma non è quello che vogliono imporre a Pomigliano d’Arco? 




I LAVORATORI DI POMIGLIANO DA SOLI NON POSSONO VINCERE

 E NOI TUTTI, LAVORATORI PUBBLICI E PRIVATI, NON POSSIAMO PERMETTERCI CHE PERDANO

In questa fase le vertenze non sono più di carattere aziendale, ma contengono elementi generali che riguardano tutti. Non è indifferente perdere a Pomigliano, così come non è indifferente perdere nel Pubblico Impiego. Così come non è stato indifferente perdere all’Alitalia. Ma chi ha perso e soprattutto si poteva vincere all’Alitalia ?

 

Hanno perso i lavoratori per  la subordinazione agli interessi imprenditoriali, per l’utilizzo  della trattativa come elemento unico di iniziativa sindacale, vissuta esclusivamente  all’interno dell’azienda, per  la cultura del trovare la soluzione sempre e solo sul tavolo negoziale, per    la mancanza di volontà di portare all’esterno dell’azienda la vertenza, per l’isolamento in cui sono stati confinati i lavoratori.



Sempre meno è possibile trovare la soluzione alle vertenze nell’ambito aziendale, per le diverse e differenti componenti che vi intervengono.

Si sarebbe potuto vincere solo se fossimo stati in grado di conquistare l’egemonia tra i lavoratori
e nei settori sociali di riferimento, per portarli ad una lotta di lungo periodo, capace di modificare rapporti di forza e relazioni sociali.
Sviluppare egemonia sociale è uno degli elementi che ci hanno portato a costruire l’USB, che diventa la risposta strutturale e strutturata alle trasformazioni in atto. La capacità di costruire strategia sociale ci consente anche di annullare l’effetto delle eventuali sconfitte durante il percorso  all’interno dei posti di lavoro. Non ha senso esprimere atteggiamenti conflittuali nella forma senza realizzarli materialmente, restando protetti dalla propria condizione minoritaria e rifugiandosi dietro il risultato del referendum.

 

La difesa di Pomigliano deve diventare il primo banco di prova di una modalità strutturata di costruire conflitto sociale a difesa di fabbriche, così come di ospedali, scuole, asili nido, stato sociale, servizi e diritti. Senza subordinazione alla cgil, senza fare da ruota di scorta da utilizzare nel rapporto con i lavoratori, ingannandoli perché si fa da velo e non si fa comprendere dove comincia l’avversario. Senza temere passi indietro, sempre possibili, ma lavorando per farne due avanti.

 

  Esecutivo Nazionale RdB-USB P.I.


Referendum di Pomigliano: un risultato che lascia aperta la partita con la FIAT e che respinge l’attacco orchestrato da Governo e Confindustria

 

Quasi tutti davano per certa la vittoria schiacciante del si al referendum sull’accordo che vuol fare di Pomigliano  un nuovo modello di organizzazione della produzione, che straccia non solo le regole contrattuali, impone condizioni di lavoro durissime, ma annulla diritti inalienabili ed indisponibili dei lavoratori, quali il diritto ad esser pagati in caso di malattia ed il diritto di sciopero.


Un referendum in cui la libertà di espressione è stata pesantemente inficiata dal ricatto: o si fa come dice la FIAT o si chiude e per 5.000 operai, senza parlare dell’indotto, non c’è futuro, in un territorio oltretutto in cui la disoccupazione è lo stato normale per gran parte della popolazione e in cui la  deindustrializzazione ha colpito pesantemente.


IL risultato del referendum parla chiaro: oltre il 36% dei dipendenti ha detto NO, percentuale che sale a quasi il 50% tra gli operai.
Dobbiamo applaudire al coraggio di questo risultato, che restituisce dignità ai diretti interessati ma che parla a tutto il mondo del lavoro, perché a Pomigliano non c’è in gioco solo il futuro della fabbrica, ma la modifica definitiva dei rapporti di lavoro, con la subordinazione alle esigenze della produzione e della competitività, con l’annullamento di ogni forma di opposizione come prefigurazione di un diverso modello di relazioni sociali   autoritario e totalizzante.


Ancora una volta la FIAT ha tentato di dare la spallata finale a quel che resta dei diritti dei lavoratori, già così colpiti da anni di accordi sindacali compromissori, di leggi liberticide,di lacci e laccioli  che avvinghiano i lavoratori e non le aziende, come vorrebbero far credere la Confindustria il Governo, le varie forze  politiche che bivaccano nelle aule parlamentari, veri fannulloni , assenteisti e con una produttività ridicola se rapportata a quella degli altri parlamenti occidentali.
Proprio da costoro sono pervenuti i più pressanti inviti ai lavoratori di Pomigliano a subire il ricatto della FIAT, da loro e dai loro organi di stampa, dalle loro televisioni, dai loro pulpiti. In questo gioco al massacro dei diritti fondamentali, ancorché costituzionali, si è distinta la stessa CGIL che, Epifani in testa, ha spudoratamente sposato la stessa posizione dei sindacati “ firmaioli”, Fim cisl, Uilm uil, Ugl e Fismic.  L’invito a votare per il “si”conferma come la strada imboccata dalla Cgil nel suo recente congresso sia una strada a senso unico, di subordinazione alle scelte padronali sia sotto il profilo dei diritti che di quello economico, come testimoniano gli innumerevoli accordi siglati e che hanno a riferimento la riforma del sistema contrattuale, da lei stessa contestata fino a poco tempo fa.


In questo quadro appare stridente il contrasto tra le pratiche quotidiane di questa organizzazione, di cui l’invito a votare “ SI” è solo l’ultimo esempio, e la proclamazione dello sciopero generale per il giorno 25 giugno. Riteniamo che lo sciopero sia una cosa seria ed il cui uso deve avere una reale finalizzazione, un intento chiaro e comprensibile per i lavoratori. Ci pare paradossale che si condividano le impostazioni di politica economica e sociale che il governo e le associazioni padronali ci propinano quotidianamente e poi si chiamino i lavoratori alla lotta.


Alla luce del voto espresso dai lavoratori di Pomigliano, del coraggio e dalla dignità con cui tantissimi di loro hanno affermato di non essere disposti a subire passivamente la cancellazione dei diritti che loro stessi hanno contribuito a conquistare nel corso della lunga e gloriosa storia di questo stabilimento da tanti hanno conosciuto con il nome di ALFA SUD.


Il pronunciamento di questi lavoratori mette in evidenza la scollatura esistente con le organizzazioni sindacali che hanno puntato una pistola alla tempia di questi lavoratori sostenendo la tesi ricattatoria  di quel padron Marchionne che aveva affascinato anche tanta parte di quella sinistra che oggi resta scandalizzata,non dal ricatto della Fiat ma dal voto dei lavoratori che non hanno voluto cedere a questo ricatto.


L’esito del voto rimescola le carte e ci parla di una opposizione operaia che non è residuale ma al contrario assume dimensioni di massa e sconfessa le stesse ambiguità della Fiom Cgil che non ha voluto cimentarsi apertamente contro la Fiat, limitandosi ad invitare i lavoratori a recarsi a votare ma senza dare alcuna indicazione di voto. Ce ne dispiace perché, forse, la vittoria del no poteva realizzarsi e con essa una vera e propria scossa tellurica nei confronti di un sistema di potere da cui i lavoratori non sono solo esclusi ma di cui sono le vittime sacrificali. La stessa estensione dello sciopero ad 8 ore proclamato dalla Fiom per il giorno 25 giugno ’10 ha il sapore della beffa.


Bene hanno fatto i compagni dello Slai Cobas a decidere di sostenere apertamente il NO, dimostrando così di essere in sintonia con il volere della maggioranza dei lavoratori, anche di quei tanti che pur essendo contrari hanno subito il ricatto Confazienda.


Bene hanno fatto le strutture dell’Unione Sindacale di Base della FIAT di Cassino, della Sevel Castel di Sangro e della FIAT di Mirafiori   ad essere presenti il 22 ai cancelli di Pomigliano con un presidio a sostegno del NO.
Ancora una volta sulla spalle dei sindacati di base ricade una grande responsabilità, quella di evitare che l’effetto di ritorno delle delocalizzazioni si trasformi nell’importazione dei metodi di lavoro e della mancanza di regole e diritti in uso nei paesi dell’est europeo o dei paesi del terzo mondo.


I lavoratori di Pomigliano ci hanno indicato un percorso coerente con la loro storia, e di questa ci faremo interpreti dentro e fuori lo stabilimento, a Pomigliano come nel resto del Paese.

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni