Continua la vertenza al Ruggi: gli infermieri di Chirurgia Generale occupano la direzione Sanitaria

Salerno -

14 dicembre 2011 - Il Mattino

Agitazione all'ospedale San Leonardo...

Salerno - Agitazione all'ospedale San Leonardo. Gli infermieri non ce la fanno più con il continuo ricorso al lavoro straordinario. Sottoposti a turni massacranti in reparti come quello di chirurgia generale del trapianto di rene hanno deciso di occupare l'unità operativa insieme ai sindacati di base. Intervengono la polizia interna e la Digos allertati dal direttore sanitario aziendale Virginia Scafarto. La direttrice a fine novembre aveva riconosciuto le difficoltà del personale e sottoscritto l'accordo sull'integrazione di personale e sulla riduzione dei carichi. Impegni disattesi dall'azienda ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona. Il nuovo personale avrebbe dovuto prendere servizio già dal primo dicembre scorso. Dopo quaranta giorni di silenzio dalle intese nulla è cambiato. Si riapre la vertenza. È muro contro muro tra l'azienda e i sindacati di base. Usb

 


14 dicembre 2011 - La Città  di Salerno

 

Ospedale Ruggi, occupata la direzione Storniello: «Intesa non rispettata»

Pochi infermieri in chirurgia Scatta la protesta

Salerno - Occupazione, ieri mattina, della direzione sanitaria del "Ruggi" da parte del segretario provinciale dell’Unione Sindacale di Base, Vito Storniello. Al centro dell’azione, l’accordo - siglato il primo dicembre scorso - con il quale era stato confermata la volontá dell’azienda di aumentare di un’unitá il personale infermieristico del reparto di chirurgia generale, che sarebbe così passato da due a tre per offrire assistenza a 12 pazienti. «Ad oggi - ha detto Storniello - l’accordo non è stato rispettato, con la conseguenza che i pazienti non ricevono un’assistenza adeguata. Inoltre, stanno aumentando i ricoveri impropri. I day hospital e i day surgery si trasformano in veri e propri ricoveri, aumentando il carico di lavoro».

Assente il direttore generale Attilio Bianchi, i sindacalisti dell’Usb si sono rivolti al direttore sanitario Virginia Scafarto la quale, secondo quanto raccontato da Storniello, avrebbe allertato i carabinieri, chiedendo di identificare tutti.

L’iniziativa di ieri è stata promossa soltanto dall’Usb che da mesi sta chiedendo un incremento del personale nei reparti. (m.a.c.)


14 dicembre 2011 – Metropolis

 

Chirurgia: gli infermieri occupano la direzione sanitaria

Usb: ”Nonostante l’accordo manca il personale”

 

Salerno. Hanno occupato nuovamente la direzione Sanitaria dell’Ospedale Ruggi d'Aragona di Saler­no gli infermieri dell'Uni­tà Operativa di Chirurgia Generale. Una manifesta­zione di protesta, già mes­sa in atto lo scorso 30 settembre, resasi necessaria per sbloccare una situa­zione che si trascina ormai da diversi mesi ed è quella legata alle criticità che si registrano nel reparto con. una turnazione “ assurda" che porta ad avere solo due infermieri per turno rispetto ai quattro previ­sti. Nonostante l'accordo raggiunto con la direzio­ne sanitaria, al momento non c'è stato nessun pas­so avanti come spiega il rappresentante sindacale dell'Usb, Vito Storniel­lo: "Un' azione che è stata dettata dalla criticità che si è creata  nel reparto con una turnazione assurda, in pratica la riduzione del personale ha portato a solo due infermieri per ogni turno su 16 posti let­to ad alta complessità, con una riduzione del 50% del personale". Una situazione divenuta insostenibile per i Lavoratori che hanno deciso di manifestare platealmente il loro dissenso: “In questo modo si pregiudica la qualità e la quantità dell’assistenza – continua Storniello - mentre si as­siste ad un indifferenza da parte dei vertici dell'o­spedale che rincorrono solo una mera soluzione ragionieristica ed in altri reparti si assiste a spreco di straordinario e duplica­zione di primari". Un'oc­cupazione conclusasi solo dopo alcune ore quando il direttore generale dell' a­zienda .ha assicurato _che entro oggi arriverà la let­tera che sbloccherebbe la vertenza. Il condizionale resta d'obbligo per Stor­niello: "Attendiamo fiduciosi la risposta definitiva a questa vertenza, se non arriverà torneremo a far sentire la nostra voce" ha spiegato il rappresentante sindacale.


14 dicembre 2011 – Cronache di Salerno

 

 

Gli infermieri occupano la direzione sanitaria

 

di Marta Naddei

 

C'è voluto l'intervento dei carabi­nieri per sgomberare il pacifico presidio dei dipendenti dell'ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona che, dalle 11 alle 15 di ieri, hanno occupato gli uffici del­la direzione sanitaria. I dipenden­ti in questione sono quelli dell'Uni­tà operativa di Chirurgia generale del Ruggi, gli stessi che diverse settimane fa occuparono gli stes­si uffici per dire no alla turnazione massacrante che per loro era sta­ta prevista e per invitare la diri­genza a razionalizzare i servizi del delicato reparto in questione. Ed ecco che, dopo l'occupazione del­lo scorso 30 settembre, il persona­le dell'importante reparto della struttura ospedaliera cittadina tor­na dinanzi la porta del diretto­re sanitario dell'azienda, la dotto­ressa Virginia Scafarto e, alla lu­ce della mancata firma sulla lette­ra con la quale si sarebbe dovuto dare il via libera all'utilizzo di quat­tro nuovi infermieri e si stoppano i ricoveri impropri. Tutto questo sarebbe dovuto avvenire a partire dal primo dicembre, ma la firma sulla delibera non è mai arrivata. Si sono susseguiti incontri su incontri nel corso delle settimane per cui sembrava che si fosse giunti ad un accordo tra le parti, ma quando ieri mattina, Vito Stor­niello, dell'Usb provinciale, ha parlato con il direttore generale At­tilio Bianchi,  impegnato a Napo­li, che gli ha comunicato di rivol­gersi alla direttrice sanitaria Scafarto, la quale, alla richiesta della firma, ha tentennato, rimandando tutto ai giorni a venire. Ed è stata questa la scintilla che ha poi dato il via all' occupazione vera e pro­pria capeggiata da Storniello e a cui hanno partecipato tutti i di­pendenti di Chirurgia generale. Il  reparto è colmo, i livelli assisten­ziali ne risentono, c'è bisogno di personale e nessuno si assume la responsabilità di mettere fine a questo calvario, nonostante un ac­cordo che prevedeva dei paletti ben precisa e una razionalizzazio­ne dei servizi di day hospital e di day surgery. Ma sembra che a nes­suno importi.  «Si tratta di un provvedimento im­portante - ha dichiarato Vito Stor­niello - e stiamo ancora a discute­re di chi deve firmare o meno. Pur­troppo c'è gente in questa strut­tura ospedaliera che vuole farla da padrona, in barba ai dettami che arrivano dalla dirigenza e mi rife­risco al dottor Paride De Rosa che, come sappiamo, è colui che ci in­dusse la prima volta a occupare la direzione sanitaria. Adesso siamo di nuovo qui a chiedere che ven­ga compiuto quello che era stato accordato» .  Solo la mediazione di Digos e del direttore generale Bianchi, che ha rassicurato i dipendenti che ci sa­rebbero stati sviluppi nella giorna­ta di oggi, ha fatto si che l'occu­pazione terminasse. Intanto, sembra che la stessa Scafarto abbia deciso di denunciare TI sindacalista Storniello per interru­zione di pubblico servizio.

 


 

 

14 dicembre 2011 – Metropolis

 

Chirurgia: gli infermieri occupano la direzione sanitaria

Usb: ”Nonostante l’accordo manca il personale”

 

Salerno. Hanno occupato nuovamente la direzione Sanitaria dell’Ospedale Ruggi d'Aragona di Saler­no gli infermieri dell'Uni­tà Operativa di Chirurgia Generale. Una manifesta­zione di protesta, già mes­sa in atto lo scorso 30 settembre, resasi necessaria per sbloccare una situa­zione che si trascina ormai da diversi mesi ed è quella legata alle criticità che si registrano nel reparto con. una turnazione “ assurda" che porta ad avere solo due infermieri per turno rispetto ai quattro previ­sti. Nonostante l'accordo raggiunto con la direzio­ne sanitaria, al momento non c'è stato nessun pas­so avanti come spiega il rappresentante sindacale dell'Usb, Vito Storniel­lo: "Un' azione che è stata dettata dalla criticità che si è creata  nel reparto con una turnazione assurda, in pratica la riduzione del personale ha portato a solo due infermieri per ogni turno su 16 posti let­to ad alta complessità, con una riduzione del 50% del personale". Una situazione divenuta insostenibile per i Lavoratori che hanno deciso di manifestare platealmente il loro dissenso: “In questo modo si pregiudica la qualità e la quantità dell’assistenza – continua Storniello - mentre si as­siste ad un indifferenza da parte dei vertici dell'o­spedale che rincorrono solo una mera soluzione ragionieristica ed in altri reparti si assiste a spreco di straordinario e duplica­zione di primari". Un'oc­cupazione conclusasi solo dopo alcune ore quando il direttore generale dell' a­zienda .ha assicurato _che entro oggi arriverà la let­tera che sbloccherebbe la vertenza. Il condizionale resta d'obbligo per Stor­niello: "Attendiamo fiduciosi la risposta definitiva a questa vertenza, se non arriverà torneremo a far sentire la nostra voce" ha spiegato il rappresentante sindacale.

 

 

 

14 dicembre 2011 – Cronache di Salerno

 

 


Gli infermieri occupano la direzione sanitaria

 

di Marta Naddei

 

C'è voluto l'intervento dei carabi­nieri per sgomberare il pacifico presidio dei dipendenti dell'ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona che, dalle 11 alle 15 di ieri, hanno occupato gli uffici del­la direzione sanitaria. I dipenden­ti in questione sono quelli dell'Uni­tà operativa di Chirurgia generale del Ruggi, gli stessi che diverse settimane fa occuparono gli stes­si uffici per dire no alla turnazione massacrante che per loro era sta­ta prevista e per invitare la diri­genza a razionalizzare i servizi del delicato reparto in questione. Ed ecco che, dopo l'occupazione del­lo scorso 30 settembre, il persona­le dell'importante reparto della struttura ospedaliera cittadina tor­na dinanzi la porta del diretto­re sanitario dell'azienda, la dotto­ressa Virginia Scafarto e, alla lu­ce della mancata firma sulla lette­ra con la quale si sarebbe dovuto dare il via libera all'utilizzo di quat­tro nuovi infermieri e si stoppano i ricoveri impropri. Tutto questo sarebbe dovuto avvenire a partire dal primo dicembre, ma la firma sulla delibera non è mai arrivata. Si sono susseguiti incontri su incontri nel corso delle settimane per cui sembrava che si fosse giunti ad un accordo tra le parti, ma quando ieri mattina, Vito Stor­niello, dell'Usb provinciale, ha parlato con il direttore generale At­tilio Bianchi,  impegnato a Napo­li, che gli ha comunicato di rivol­gersi alla direttrice sanitaria Scafarto, la quale, alla richiesta della firma, ha tentennato, rimandando tutto ai giorni a venire. Ed è stata questa la scintilla che ha poi dato il via all' occupazione vera e pro­pria capeggiata da Storniello e a cui hanno partecipato tutti i di­pendenti di Chirurgia generale. Il  reparto è colmo, i livelli assisten­ziali ne risentono, c'è bisogno di personale e nessuno si assume la responsabilità di mettere fine a questo calvario, nonostante un ac­cordo che prevedeva dei paletti ben precisa e una razionalizzazio­ne dei servizi di day hospital e di day surgery. Ma sembra che a nes­suno importi.  «Si tratta di un provvedimento im­portante - ha dichiarato Vito Stor­niello - e stiamo ancora a discute­re di chi deve firmare o meno. Pur­troppo c'è gente in questa strut­tura ospedaliera che vuole farla da padrona, in barba ai dettami che arrivano dalla dirigenza e mi rife­risco al dottor Paride De Rosa che, come sappiamo, è colui che ci in­dusse la prima volta a occupare la direzione sanitaria. Adesso siamo di nuovo qui a chiedere che ven­ga compiuto quello che era stato accordato» .  Solo la mediazione di Digos e del direttore generale Bianchi, che ha rassicurato i dipendenti che ci sa­rebbero stati sviluppi nella giorna­ta di oggi, ha fatto si che l'occu­pazione terminasse. Intanto, sembra che la stessa Scafarto abbia deciso di denunciare TI sindacalista Storniello per interru­zione di pubblico servizio.

 

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni