AGROPOLI SCIOPERA IL 27 marzo 2009

Salerno -

 

 

Venerdì 27 marzo 2009 le RdB CUB Sanità hanno indetto un'intera giornata di sciopero per tutti i Lavoratori dell’Ospedale di Agropoli per le gravi carenze di personale esistenti.

 

Lo sciopero è la conseguenza del fallito tentativo di raffreddamento del conflitto che si è tenuto presso la Prefettura il 2 febbraio u.s.. con la Direzione Generale dell’ASL SA 3.

 

Nella tarda mattinata di oggi (25/3/2009) le RdB CUB Sanità hanno tenuto un incontro con la Direzione Sanitaria e la Direzione dei Servizi Infermieristici del Presidio di Agropoli per la individuazione del corretto contingente di Personale da assicurare per i servizi minimi assistenziali, vista ll'altissima adesione allo sciopero.

 

Lo sciopero sarà accompagnato da un’assemblea permanente straordinaria cittadina con tutto il Personale dell’Ospedale, a partire dalle ore 8,00, che si terrà nell’aula magna dello stesso ospedale; l’assemblea discuterà sulle forme di lotta da intraprendere per riuscire ad ottenere la copertura delle gravi carenze di personale.

 

Inoltre nel pomeriggio di venerdì p.v., dalle ore 16,00, l’assemblea si arricchirà della presenza del Comitato Civico pro Ospedale che è stato convocato dal Presidente Don Bruno Lancuba a sostegno dello sciopero indetto da questa O.S. e che discuterà dei nuovi scenari dopo il commissariamento.

 

A conclusione dei lavori seguirà una breve conferenza stampa per una informativa delle eventuali iniziative che lo stesso Comitato potrà adottare a favore della vertenza Pro Ospedale.

 

Alla luce del commissariamento della ex ASL SA 3 e la nomina del Commissario Unico dell’ASL di Salerno, le RdB CUB Sanità hanno richiesto un incontro urgente al nuovo Commissario per verificare la possibilità di trovare una soluzione alla vertenza del conflitto e revocare lo sciopero nell’interesse comune.

 

 

Federazione Provinciale Sanità – RdB CUB Salerno

- Vito Storniello -

 


27 marzo 2009 - La Città di Salerno

Agropoli, sciopero in ospedale per la carenza di personale

Agropoli - Oggi sciopero in ospedale per il mancato potenziamento del personale. Dipendenti a rischio precettazione per la prevista ampia adesione allo sciopero indetto dall’organizzazione sindacale Rdb Cub, «che è la conseguenza del fallito tentativo di raffreddamento del conflitto, tenutosi presso la Prefettura lo scorso febbraio con la direzione generale dell’Asl 3». «Qualche giorno fa abbiamo tenuto - spiega il segretario provinciale della Rdb Cub, Vito Storniello - con la direzione sanitaria e la direzione dei servizi infermieristici del presidio ospedaliero di Agropoli per la individuazione del personale da assicurare per i servizi minimi assistenziali, vista l’altissima adesione allo sciopero». Lo sciopero sará accompagnato da un’assemblea permanente straordinaria cittadina con tutto il personale dell’ospedale, a partire dalle 8, che si terrá nell’aula magna dello stesso ospedale. L’assemblea discuterá delle forme di lotta da intraprendere per riuscire ad ottenere la copertura delle gravi carenze di personale. Nel pomeriggio dalle 16 l’assemblea si arricchirá della presenza del Comitato civico pro ospedale, convocato dal presidente don Bruno Lancuba a sostegno dello sciopero indetto dal sindacato Rdb Cub per discutere dei nuovi scenari dopo la nomina del commissario unico delle tre aziende sanitarie locali. «Come organizzazione sindacale - conclude Storniello - abbiamo richiesto un incontro urgente al nuovo


GIU’ LE MANI DALL’OSPEDALE !!!

La mancanza di personale e i tagli ai fondi, stanno facendo morire l’ospedale  che non può più garantire l’assistenza ai cittadini.

La conseguenza di anni di gestione scellerata della Sanità pubblica in Campania, non può ricadere sugli operatori e sui cittadini.

Personale e risorse per fare funzionare la Sanità in Campania.
 
Dimissioni dei responsabili politici e manageriali, ancora ai loro posti.

 

Questo è il risanamento che vogliamo !!!


Tagliare fondi e personale con l’ascia, affidando il compito agli stessi responsabili del disastro, vuol dire voler affossare definitivamente la Sanità pubblica in Campania già in agonia, favorendone la privatizzazione e continuando a premiare chi dovrebbe rispondere delle proprie colpe ai cittadini.

Contro tutto questo, la RdB/CUB ha proclamato lo

 

SCIOPERO

del personale dell’ospedale di Agropoli per il

giorno 27 marzo 2009

GIU’ LE MANI DALL’OSPEDALE!!!


11 marzo 2009 - La Città di Salerno

SANITA’ E DISAGI
Agropoli, sciopero all’ospedale
I sindacati: «Nessuna risposta sulle carenze di organico».
Si terrá il 27 marzo Garantiti soltanto i servizi essenziali

Agropoli - L’ospedale di Agropoli verso lo sciopero quale forma di protesta contro la carenza di personale. La giornata di protesta, che fa seguito allo stato di agitazione avviato lo scorso mese di gennaio da tutto il personale del presidio ospedaliero, è stata proclamata per il prossimo 27 marzo. Nel corso dello sciopero saranno garantiti agli utenti solo i servizi essenziali. Alla protesta prenderanno parte anche i cittadini, le associazioni di volontariato e il comitato civico sorto a difesa dell’ospedale civile di Agropoli.
Ad annunciarlo è il segretario provinciale della Rdb Cub, Vito Storniello. «La decisione di proclamare una giornata di sciopero fa seguito - afferma Storniello - all’esito negativo del tentativo di conciliazione dello scorso mese di febbraio presso gli uffici della prefettura di Salerno, alla mancata convocazione della direzione generale dell’Asl Salerno 3, diretta dal manager Donato Saracino, per ottenere risposte certe sulla copertura delle carenze di organico. Lo scorso 27 febbraio abbiamo avuto un incontro con la direzione sanitaria che lasciava intravedere qualche soluzione alla crisi. Ma, purtroppo, la direzione generale durante l’incontro del 2 marzo ha smentito quanto dichiarato dai suoi collaboratori il 27 febbraio, negando qualsiasi possibilitá di copertura delle denunciate e accertate carenze di organico». Da qui la decisione di procedere con una giornata di protesta considerato che «la direzione generale non ha inteso accogliere alcuna delle richieste formulate a seguito dello stato di agitazione».
Alle iniziative di protesta intraprese dall’organizzazione sindacale Rdb-Cub ha aderito anche la Rsu (Rappresentanti sindacali unitari) dell’Asl Salerno 3, presieduta da Carmine Rufo. Da tempo all’ospedale di Agropoli è avvertita la problematica relativa alla carenza di personale, come d’altronde in tutti i presidi sanitari dell’Azienda sanitaria locale Salerno 3.
Qualche giorno fa si è tenuto a Vallo della Lucania un tavolo tecnico tra i sindacati e i vertici aziendali dell’AslSa3 per quantificare la carenza di personale nell’ambito delle varie strutture ospedaliere al fine di garantire il livello minimo essenziale. In totale sarebbero necessarie altre quarantacinque unitá infermieristiche da collocare nei cinque presidi ospedalieri. Altro punto dolente per l’ospedale di Agropoli è l’uscita dell’importante struttura sanitaria dalla rete dell’emergenza.
Su questa problematica, dopo l’ultimo incontro in Regione, è stato deciso che nelle more dell’approvazione della legge regionale di riorganizzazione dei presidi ospedalieri da parte del Governo centrale, la Regione con atto deliberativo dará ai direttori generali delle Aziende sanitarie locali indicazioni a non depotenziare o ridimensionare strutture ospedaliere o unitá operative esistenti sul territorio, con l’impegno di un recupero degli ospedali di Agropoli e Roccadaspide nel redigente piano dell’urgenza e dell’emergenza della regione Campania.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni