VERSO LO SCIOPERO REGIONALE

Salerno -

La condizione materiale di milioni di lavoratori dipendenti e pensionati ha subito negli ultimi quindici anni un profondo peggioramento.
Dall’accordo del luglio '93 ad oggi si sono susseguiti pesanti attacchi alle condizioni di vita e di lavoro degli operai, degli impiegati, tutti i salariati/e da parte di tutti i governi che si sono succeduti.

Alla richiesta di politiche di ridistribuzione del reddito si è risposto sostenendo le imprese, riducendo i salari, rinnovando i contratti pubblici e privati con enorme ritardo e con aumenti IRRISORI, aumentando prezzi e tariffe; all’esigenza di aumentare gli investimenti per scuola, sanità, previdenza pubblica si è preferito accrescere a dismisura le spese militari, ridurre le pensioni, tentare di scippare il TFR, privatizzare i profitti, socializzare le perdite; alla mattanza sui luoghi di lavoro si è risposto trasformando gli ispettori del lavoro in consulenti per le imprese; alla richiesta di lavoro e tutele precarizzando tutto, alle aspettative dei migranti con lo sfruttamento e i CPT.
Cgil, Cisl e Uil hanno sostenuto ed appoggiato tutte le politiche liberiste ed hanno assunto ruolo e funzione di ammortizzatore sociale per impedire lo sviluppo del conflitto organizzato contro tali scelte e consolidare il loro monopolio della rappresentanza.

Il sindacalismo di base, autorganizzato, alternativo e di classe ha mantenuto salda in questi anni la propria posizione di totale indipendenza dai padroni, dai governi, dai partiti ed ha promosso lotte, mobilitazioni, scioperi generali partecipatissimi per invertire la tendenza e rafforzare le richieste del mondo del lavoro di fronte all’attacco bipartisan alle condizioni di vita di milioni di lavoratori.
I lavoratori della Sanità in questi ultimi anni stanno subendo un violento attacco in ordine ai loro diritti e al loro salario ed è su questi argomenti di grande impatto sociale che la Federazione Regionale RdB CUB ha proclamato per il giorno
12 giugno 2008 – uno sciopero regionale dei lavoratori della Sanità
con presidio alle ore 11,00 presso l’Assessorato alla Sanità della Regione Campania C.D.N. is. C3 per chiedere:

1)    copertura dei vuoti organici esistenti nelle strutture sanitarie pubbliche della Campania, ed in particolare delle figure di infermiere ed OSS attraverso assunzioni a tempo indeterminato;2)    l’immediata stabilizzazione di tutti i lavoratori precari presenti nelle strutture sanitarie della pubbliche Campania;3)    la sospensione di tutte le delibere Regionali riguardante il piano di rientro e l’apertura di un tavolo presso il ministero della salute, per rivedere le decisioni assunte, affinché queste non ricadano sugli utenti e sugli operatori, come sta avvenendo;4)    il rispetto degli impegni assunti dall’Assessore alla Sanità con la scrivente O.S. nell’incontro del 29/11/07.

In preparazione dello sciopero è convocata l’assemblea provinciale di tutti i terminali associativi RdB CUB, dei delegati RSU eletti e dei lavoratori delle ASL della Provincia per il giorno 27 maggio alle ore 10,00 presso la Federazione Provinciale di Salerno sita in via Zara 32.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni